Facebook
Youtube Poliuretano
Google
Linkedin

Dossier Tecnici

Formazione di umidità e condensa nelle strutture edilizieFormazione di umidità e condensa nelle strutture edilizie

Francesca Cappelletti, Piercarlo Romagnoni - Fisica Tecnica AMbientale - Dipartimento di Progettazione e Pianificazione in Ambienti Complessi Università IUAV di Venezia.
Le condizioni termoigrometriche interne di un edificio dipendono da una serie di variabili quali la funzione di uso, il tasso di occupazione dello stesso, il sistema impiantistico, .... Per la maggior parte delle costruzioni commerciali, la temperatura e il contenuto di vapore acqueo sono controllate da sistemi di condizionamento i cui set-point sono solitamente ben definiti. Le condizioni termoigrometriche interne negli edifici residenziali, tuttavia, sono spesso influenzate in modo più evidente anche dal clima esterno e dal comportamento degli occupanti.....continua


Nuove Linee Guida 
di interpretazione per 
lo standard LEED® v4Nuove Linee Guida di interpretazione per lo standard LEED® v4

ANPE, condividendo gli scopi dell'Associazione Green Building Council Italia a cui aderisce, già nel 2010 ha pubblicato, in collaborazione con Habitech, le Linee Guida di interpretazione per la valutazione dei contributi previsti dallo standard LEED® 2009.
Il protocollo LEED®, sviluppato negli Stati Uniti, ma applicato oggi in più di 40 paesi diversi ed in rapida affermazione anche in Italia, è un programma di certificazione volontaria applicabile a qualsiasi tipo di edificio ed in grado di valutarne l'intero ciclo di vita, dalla progettazione alla costruzione.
LEED® promuove un approccio olistico alla sostenibilità che si fonda su un sistema di rating quantitativo che valuta le prestazioni dell'edificio in diverse aree tematiche stabilendo, per ciascuna, dei prerequisiti, il cui rispetto è obbligatorio, e dei crediti a punteggio variabile. ...continua


Regolamento Prodotti da 
Costruzione e marcatura CE: definite le sanzioniRegolamento Prodotti da Costruzione e marcatura CE: definite le sanzioni

Il mercato italiano dell'edilizia ha da tempo imparato a conoscere le regole fissate dalla direttiva europea 89/106/CEE, CPD - Construction Products Directive, rimasta in vigore fino al 1° luglio 2013 e sostituita dal regolamento europeo 305/2011, CPR - Construction Products Regulation.
Se il tema torna ad essere di grande attualità è per la recente emanazione del Decreto Legislativo 16 giugno 2017 n. 106 "Armonizzazione normativa nazionale con il Regolamento (UE) 305/2011 Prodotti da costruzione (CPR)", entrato in vigore il 9 agosto scorso, che definisce il regime sanzionatorio per tutti i soggetti coinvolti nell'applicazione delle regole della CPR.
In questo contesto riteniamo utile riassumere gli scopi e le prescrizioni della CPR, con una particolare attenzione per il settore degli isolanti termici e dei prodotti in poliuretano. ...continua


Isolamento in poliuretano qualità dell’aria internaIsolamento in poliuretano qualità dell'aria interna

Che si tratti di abitazioni, scuole, uffici, stabilimenti industriali o centri commerciali, trascorriamo circa il 90% della vita all'interno di edifici. Garantire un clima sano e confortevole negli ambienti, nel rispetto dei massimi standard di efficienza energetica, è, pertanto, della massima importanza.
L'isolamento termico svolge un ruolo fondamentale nel mantenere il comfort interno permettendo, nel contempo, quasi di azzerare i livelli di fabbisogno energetico nei nuovi edifici realizzati in Europa e riducendo drasticamente il fabbisogno energetico in quelli esistenti.
Grazie alle straordinarie prestazioni isolanti e all'eccellente durata, il poliuretano (PUR/PIR) è il materiale ideale per conseguire tali obiettivi. ...continua


UNI 10351:2015 Materiali e prodotti da costruzioneUNI 10351:2015
Materiali e prodotti per edilizia
Proprietà termoigrometriche
Procedura per la scelta dei valori di progetto


Si è concluso, con la pubblicazione avvenuta il 26 giugno scorso, l'iter normativo della revisione della norma UNI 10351.
Il testo sottoposto a revisione, pubblicato nel 1994, integrava, con i valori di permeabilità al vapore, i dati di conduttività termica dei materiali ripresi integralmente da FA 101 UNI 7357 risalente agli anni '70. Dati storici quindi, molto lontani sia dall'attuale realtà produttiva e sia dai metodi di prova e valutazione delle prestazioni delle norme armonizzate europee introdotte dalla CPD/CPR per i prodotti sottoposti a marcatura CE. ...continua