Facebook
Youtube Poliuretano
Google
Linkedin

Dossier Tecnici

Processo di riciclo meccanico per scarti industriali di schiume poliuretaniche rigide e validazione del materiale da ricicloProcesso di riciclo meccanico per scarti industriali di schiume poliuretaniche rigide e validazione del materiale da riciclo

Andrea Tinti - Centro di Ricerche Europeo di Tecnologie, Design e Materiali (CETMA - Divisione "Advanced Materials & Processes Consulting")
I poliuretani sono fra i materiali più versatili attualmente disponibili sul mercato. Negli ultimi quarant'anni sono stati impiegati in misura crescente ed in una varietà di differenti applicazioni.
Uno dei fattori che maggiormente rende il poliuretano così attraente è la sua durabilità, che contribuisce significativamente alla lunga vita utile di molti prodotti realizzati con questo materiale. L'estensione del ciclo di vita dei prodotti e la salvaguardia delle risorse primarie sono importanti considerazioni ambientali che spesso favoriscono la scelta dei poliuretani.
A livello mondiale, l'attenzione della comunità tecnico-scientifica si sta concentrando sempre di più sul riciclo del poliuretano a causa dei cambiamenti attualmente in corso su questioni sia normative che ambientali. ....continua


Formazione di umidità e condensa nelle strutture edilizieFormazione di umidità e condensa nelle strutture edilizie

Francesca Cappelletti, Piercarlo Romagnoni - Fisica Tecnica AMbientale - Dipartimento di Progettazione e Pianificazione in Ambienti Complessi Università IUAV di Venezia.
Le condizioni termoigrometriche interne di un edificio dipendono da una serie di variabili quali la funzione di uso, il tasso di occupazione dello stesso, il sistema impiantistico, .... Per la maggior parte delle costruzioni commerciali, la temperatura e il contenuto di vapore acqueo sono controllate da sistemi di condizionamento i cui set-point sono solitamente ben definiti. Le condizioni termoigrometriche interne negli edifici residenziali, tuttavia, sono spesso influenzate in modo più evidente anche dal clima esterno e dal comportamento degli occupanti.....continua


Regolamento Prodotti da 
Costruzione e marcatura CE: definite le sanzioniRegolamento Prodotti da Costruzione e marcatura CE: definite le sanzioni

Il mercato italiano dell'edilizia ha da tempo imparato a conoscere le regole fissate dalla direttiva europea 89/106/CEE, CPD - Construction Products Directive, rimasta in vigore fino al 1° luglio 2013 e sostituita dal regolamento europeo 305/2011, CPR - Construction Products Regulation.
Se il tema torna ad essere di grande attualità è per la recente emanazione del Decreto Legislativo 16 giugno 2017 n. 106 "Armonizzazione normativa nazionale con il Regolamento (UE) 305/2011 Prodotti da costruzione (CPR)", entrato in vigore il 9 agosto scorso, che definisce il regime sanzionatorio per tutti i soggetti coinvolti nell'applicazione delle regole della CPR.
In questo contesto riteniamo utile riassumere gli scopi e le prescrizioni della CPR, con una particolare attenzione per il settore degli isolanti termici e dei prodotti in poliuretano. ...continua


Isolamento in poliuretano qualità dell'aria internaIsolamento in poliuretano qualità dell'aria interna

Che si tratti di abitazioni, scuole, uffici, stabilimenti industriali o centri commerciali, trascorriamo circa il 90% della vita all'interno di edifici. Garantire un clima sano e confortevole negli ambienti, nel rispetto dei massimi standard di efficienza energetica, è, pertanto, della massima importanza.
L'isolamento termico svolge un ruolo fondamentale nel mantenere il comfort interno permettendo, nel contempo, quasi di azzerare i livelli di fabbisogno energetico nei nuovi edifici realizzati in Europa e riducendo drasticamente il fabbisogno energetico in quelli esistenti.
Grazie alle straordinarie prestazioni isolanti e all'eccellente durata, il poliuretano (PUR/PIR) è il materiale ideale per conseguire tali obiettivi. ...continua


Isolamento in poliuretano qualità dell’aria internaComportamento al fuoco in condizioni reali di esercizio

Il comportamento al fuoco degli isolanti poliuretanici è uno dei temi di maggiore interesse, sia per le sue implicazioni in termini di sicurezza degli edifici, sia per la necessità di valutare correttamente le prestazioni dei prodotti nelle loro reali condizioni di impiego alla luce anche delle importanti evoluzioni tecniche e prestazionali delle schiume poliuretaniche.
Nel corso del 2014 è stato avviato, grazie al contributo di associazioni ed aziende sponsor, un progetto di ricerca finalizzato a valutare,mediante test comparativi, la reazione al fuoco di prodotti isolanti in poliuretano e in lana minerale nelle reali condizioni di esercizio tipiche di comuni applicazioni edilizie. ...continua


Isolamento in poliuretano qualità dell'aria internaStudio delle temperature superficiali in opera di tetti piani isolati

Nelll'ambito di una convenzione stipulata tra l'Università IUAV di Venezia e le associazioni ANPE ed ASSIMP, sono state condotte indagini volte a definire le possibili temperature superficiali in opera di coperture piane isolate.
Data l'importanza che assume oggi la prestazione energetica degli edifici e la necessità di ridurre in modo consistente l'uso di energie non rinnovabili per il riscaldamento, raffrescamento e la produzione di acqua calda, la prestazione termica, sia dell'involucro nel suo insieme che dei singoli componenti, risulta fondamentale. ...continua


UNI 10351:2015 Materiali e prodotti da costruzioneUNI 10351:2015
Materiali e prodotti per edilizia
Proprietà termoigrometriche
Procedura per la scelta dei valori di progetto


Si è concluso, con la pubblicazione avvenuta il 26 giugno scorso, l'iter normativo della revisione della norma UNI 10351.
Il testo sottoposto a revisione, pubblicato nel 1994, integrava, con i valori di permeabilità al vapore, i dati di conduttività termica dei materiali ripresi integralmente da FA 101 UNI 7357 risalente agli anni '70. Dati storici quindi, molto lontani sia dall'attuale realtà produttiva e sia dai metodi di prova e valutazione delle prestazioni delle norme armonizzate europee introdotte dalla CPD/CPR per i prodotti sottoposti a marcatura CE. ...continua


Durabilità dei prodotti isolanti in poliuretanoDurabilità dei prodotti isolanti in poliuretano

La richiesta di dati precisi e affidabili sulla durabilità dei prodotti da costruzione è notevolmente aumentata nel corso degli anni grazie anche al diffondersi di analisi e valutazioni sui costi, ambientali ed economici, e sul ciclo di vita degli edifici.
Conoscere la durata dei prodotti è particolarmente importante per i materiali isolanti utilizzati per ridurre gli scambi termici tra edificio e ambiente. Essi svolgono un ruolo fondamentale nella determinazione dei costi in fase di utilizzo degli edifici (consumo di energia) e inoltre sono spesso integrati nell'involucro, quindi difficili da sostituire.
Con lo scopo di rispondere a questa necessità di informazioni tecniche PU Europe, Federazione delle Associazioni Europee per il poliuretano espanso rigido, ha affidato al Forschungsinstitut für Wärmeschutz e V. (FIW, Monaco di Baviera) l'incarico di valutare su campioni di schiuma poliuretanica, in opera da decenni, alcune caratteristiche ...continua


Comportamento acustico delle strutture isolate con pannelli in poliuretano espanso rigidoComportamento acustico delle strutture isolate con pannelli in poliuretano

L'isolamento acustico degli edifici sta assumendo sempre più importanza sia per la prossima emanazione di una nuova legislazione cogente e sia per la cresciuta sensibilità al problema da parte di produttori, di imprese e di mercato.
Il nostro intervento non si prefigge un'analisi degli aspetti legislativi in via di sviluppo, ma vuole piuttosto evidenziare come in acustica sia fondamentale valutare le caratteristiche complessive delle strutture e, in particolare, l'efficienza di quelle realizzate con pannelli in poliuretano con rivestimenti flessibili. ...continua



Temperature di esercizio degli isolanti termici in coperturaTemperature di esercizio degli isolanti termici in copertura

Le applicazioni di isolanti termici in copertura, specialmente quelle piane, sotto manti impermeabili a vista, comportano condizioni di esercizio particolarmente severe che prevedono:
- temperatura di esercizio elevata a causa dell'irraggiamento solare
- forti sbalzi termici
L'esperienza applicativa ha evidenziato, soprattutto nei Paesi dell'Europa Meridionale a clima più caldo, che queste condizioni di esercizio possono essere tali da compromettere la stabilità dimensionale di alcuni tipi di isolanti termici.
La ricerca svolta in collaborazione con l'Università IUAV di Venezia è stata finalizzata a verificare i valori massimi di temperatura che possono essere raggiunti all'interno dei pacchetti di copertura in corrispondenza dello strato isolante. ...continua